I Cantieri Venesiani - Claudio Damonte

Vecchio argine in via San Vito

Stavolta, dopo ve' sgambiò qualchi idea col mio amico Alfio, voi parlà de duti quìi "signi" che gà lassò dute le rasse de zente che x è passò in te i ani a Maran. Par prima i Palioveneti che come segno i gà lassò la belissima isola de Maran. Dopo x è rivò i Romani. De quisti nantre vemo come segno la piasseta "dei Marii". Dopo x è subentrò i Patriarchi de Aquilegia. Quisti i veva lassò un segno bastansa grando che sarissi la fortessa de Maran che la gà durò squasi otosento ani. E anca el primo munisìpio, tacò al campanil in piassa. Anca una casa, in fondo piassa Patriarchi, x è un segno de la loro presensa. In tel 1420 la fortessa de Maran la passa soto le sgrinfie dei Venessiani, che in quìi timpi i se veva slargò in grando, par duto lassando impronte de la so grandessa. Anca a Maran i gà lassò tanti signi de la so presensa.

In duti i visinài gera sto messo tante vere de pussi proprio come a Venessia. I venessiani i nè gà lassò i tre rosùni de Gerusalemme tacai sol campanil e anca i do baloardi che x è in piassa. Par ordene del Proveditor Alvise Giustinian in tel 1601 x è stada fata la strada, ciamada "levada", parche i maranisi i podissi saltà quela vecia andove che i Austriaci, che i gera in tel forte de Maranuto (casal de la Madona), i obligheva a pagà el dassio a chi che passeva. Sta

strada la partiva fora del ponte dela Fortessa,la paseva in via Saline e la costegieva I'arzene del canal niovo de l'oasi da una parte e da l'altra el canal mulìn. La proseguiva fin al ponte roto, dove che 'Da volta gera un mulìn che maseneva fromento par la zente e par i

militari. Là passeva anca l'acqua del Cesareli fin a quando che el conte Marzotto el gà comprò duto e cussì el gà serò el canal tacandose al ponte roto. Sta strada però la continueva fin a la roja de Lorian e più avanti ala Mussanela. Cussì la podeva saltà fora in tera dei Venessiani. A la fine de sta strada se troveva un altro ponte e un altro mulìn. Dove che x è via Venessia, gerà anca un gran do squero (cantièr), proprio in via delo Squero, che i venessiani i veva atressò con duto el personal. Jnfatti Venessia, diventada parona de l'Adriatico, la veva bisogno de barche e par questo in duti i pusti importanti i meteva i cantieri e scole par imparà a fà i falegnami, i carpentieri, i maestri d'ascia, e i maestri de

vela. Gera anca scole par fa gondole, barche da cerimonie e anca mobilieri par aredà i velieri. Le barche de trasporto le faseva come in serie par podè vè sempre tochi de ricambio come penùni, albri, carùcole, rimi, timuni, tasti... Dato che i viàsi i durèva a longo, duta stà roba la gera utile se par caso capiteva qualcosa de roto. In ogni paese con porto importante, che Venessia comandeva, gera un cantièr che serviva par le riparassiòn.

'Sti pusti gera: Maran, Pola, Zara, Spalato, Valona, Corfù, Cefalonia, Patrasso, Creta. In duti 'sti porti gera anca de i grandi magazini con dute le proviste de magnà (soraduto carne fumigada, pesse salò, farinacei e acqua) che serviva ai equipaggi dei velieri e dele barche de passagggio che le trasporteva merci in Grecia, Turchia, Siria, Libano, palestina, Egitto. In tel cantier de Maran, più avanti co' i ani, i stramìni i discargheva el strame, fasendo le tamòsse, par che el se sughìssi fin quando che vigniva i contadini de Morteàn a ciòselo. Tornando ai Venessiani, quisti co' i faseva tapa al cantier de Maran i faseva subito fà i lavuri de riparassiòn, se corèva, come impegolà la barca (con un scovolo fato con un manego de scova e ligò un grumo de strassi in testa e tociò in tun

secio dove bugìva la pegola) e stropà le fesùre. Dopo, cargò le provviste, i ripartiva par dove che i veva de 'n dà. I Venessiani però no' i veva sol che "cantieri" in tei porti ma i veva anca pusti,

co' le stesse funsiòn, in tera dove che anca là i comandeva. Sti pusti i se ciameva "stassiòn". Quà gera zente preparada a giustà riodole, carrosse, a ferà cavai e duto quel che ocorèva. Se i malani i gera grandi se provedeva anca a gambià carossa e cavài. Ai Venessiani convignìva che duto funsionìssi sia in mar che in tera parche cussi duta la merce,che i trasporteva, la riveva più presto a destinasiòn. Col passa del tempo in via del Squero no' se cognussi più el cantièr. In tempo de miseria, quando che no' gera i servissi igenici in te le case, quel posto el vedeva duto unviavai de done che a l'alba le 'ndeva a svodà la "secia".

In quel posto, dopo che el x è servìo par i stramìni, come che se diseva, i gà messo le batele e x è sto fate le banchine de si mento. E cussi el tempo e el progresso el gà fato sparì anca 'sto "cantièr" come la Fortessa, el Palasso de Asarta, le pompe che gera in pescarìa, in piassa Marii, de San Rocco, e altro. De 'sto cantièr x è però restò I'esperiensa dela scola dei maestri d'ascia. Infati dopo i Venessiani, i Parmisàn i gà verto un cantièr vissìn drìo l'asilo vecio. In 'sto posto

el vecio Parmisàn el gà piantò un pin, che el x è ancora al so posto al zorno de ancuo, par ricordà la data de la nascita de la bonanema dela Silvia, mare del dr. Otelo. Maestri d'ascia gera anca i Tempo che i veva el cantièr drio el munimento e dopo, più tardi, in via Palasso de Asarta. I Domenighini i gera invesse prima in via delo Squero, proprio dove che 10 veva i Venessiani, e dopo anca luri in via Palasso de Asarta. Là i xe stai fin quando che Franco Domenighini con so' fradel el gà impiantò un cantièr de la del canal dove tanti ani prima veva el cason i "minuti".

Cussì vemo ricordò un toco dela nostra storia, meravejài de come i Venessiani i se veva organisò par podè fa fronte a viasi che podeva durà misi e rimedià a duti i malanni e perdite che in quìi timpi gera inevitabili.

Claudio Damonte